Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Cultura e Spettacoli

COME STA ANDANDO

Lirica, sorprese e emozioni: la Festa dell'Opera incanta Brescia

Francesca Marmaglio

Cultura e Spettacoli
11 giu 2022, 15:41

«Vissi d’arte, vissi d’amore» cantava Maria Callas nella Tosca di Puccini. Ed è sicuramente questo il fil rouge che lega tutti gli appuntamenti della Festa dell’Opera 2022: un’edizione dedicata alle donne dell’Opera, alla loro dedizione verso quest’arte, al loro coraggio di resistere alle consuetudini sociali e al loro amore incondizionato per l’amore.

Così, dopo il concerto all’alba al Museo Diocesano, la mattinata è stata scandita concerti e appuntamenti a sorpresa lungo le vie del centro.

Il pomeriggio si è aperto al Teatro Sociale con «Gaetano, Gioppino e l’elisir d’amore», uno spettacolo musicale per burattini che ha fatto ridere i piccoli, ma anche i più grandi.

LA FESTA DELL'OPERA COLORA LA CITTA'

Sul palco un altro piccolissimo palco ha ospitato le marionette e la voce del tenore Giovanni Dragano con la fisarmonica del musicista Gino Zambelli.

Dalle risate alla potenza dell’opera The Medium di Gian Carlo Menetti in scena al Teatro Grande in lingua originale con la musica dell’Ensemble Bazzini Consort. Genitori alla ricerca di un contatto con i figli defunti e una medium che ne sfrutta le debolezze, ma che resta vittima del suo stesso gioco.

Il pomeriggio continua fra gli affreschi del meraviglioso Circolo al Teatro in via Dante, che accolgono le magnifiche voci delle soprano Claudia Ceraulo e Melissa D’Ottavi, accompagnate dalle chitarre di Chiara Festa e Gabriele Lanini. La piccola sala ha accolto, ogni quindici minuti, una ventina di persone che hanno potuto assistere ad uno spettacolo nello spettacolo. «Ah non credea mirarti» cantano le soprano osservate dalle dame dipinte sulle pareti. Un omaggio alle donne dalle donne.

L’ironia è invece la protagonista dell’appuntamento «Pazzi per l’opera» nel chiostro del monastero di Santa Chiara in Contrada Santa Chiara. Sul palco nella splendida cornice del Teatro Mina Mezzadri, Roberto Gazich, Roberto Tagliani e Piergiorgio Vittorini che con l’aiuto di alcuni brani delle arie più famose raccontano le donne ribelli nell’opera. Rosina nel Barbiere di Siviglia, Norina nel Don Pasquale, Pamina nel Flauto Magico sono solo alcuni degli esempi raccontati nell’appuntamento che ha chiuso il pomeriggio.

La newsletter del mattino, per iniziare la giornata sapendo che aria tira in città, provincia e non solo.
Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione
Informativa ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento UE 2016/679 o GDPR*

Articoli in Cultura e Spettacoli

Lista articoli