Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Brescia e Hinterland

IL CASO

Va in cella da Bossetti spacciandosi per un consulente bresciano


Brescia e Hinterland
24 set 2019, 07:00
descrizione immagine

Un faccia a faccia per una proposta di collaborazione. Ma da qualcuno che si è spacciato per qualcun altro. Coinvolge un professionista bresciano il giallo sulla visita in carcere a Massimo Bossetti, condannato all'ergastolo per il delitto di Yara Gambirasio.

Nelle scorse settimane il muratore di Mapello, detenuto nel penitenziario di Bollate da quando la condanna al fine pena mai è diventata definitiva in Cassazione, durante l'ora dedicata ai colloqui con l'esterno ha incontrato un uomo che si è presentato come «Cesare Marini consulente informatico della procura di Brescia». Nome e ruolo sono esatti, ma peccato che quel giorno Marini fosse impegnato nel Bresciano in una perquisizione domiciliare con tanto di carabinieri pronti a...

Leggi l'articolo integrale sul GdB in edicola oggi, martedì 24 settembre, scaricabile anche in versione digitale

Articoli in Brescia e Hinterland

Lista articoli