Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Brescia e Hinterland

NELL'EX SEMINARIO

Università Cattolica, tra due anni la nuova sede a Mompiano


Brescia e Hinterland
14 mar 2018, 17:22
Un momento della cerimonia del Dies Academicus

Un momento della cerimonia del Dies Academicus

I lavori inizieranno entro l'estate e dovrebbero concludersi dopo 20 mesi. Presto dunque l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia avrà una nuova sede, che prenderà forma nell'ex seminario di Mompiano. L'annuncio è stato dato dal magnifico rettore Franco Anelli, durante la cerimonia del Dies Academicus, questa mattina in via Trieste.

«Il progetto è completo e tutte le autorizzazioni sono state ottenute: non resta che aprire i cantieri» ha chiarito Anelli svelando anche alcuni dettagli del progetto. La nuova sede offrirà agli studenti 25 aule e 13 laboratori, 2 aule studio, una nuova grande biblioteca e 70 studi per i professori, ma anche palestre, campo dal calcio, bar e una mensa da 175 posti. 

Un'anteprima della nuova sede dell'Università Cattolica

«Circa 20 milioni di euro il preventivo di spesa, per cui confidiamo anche nel sostegno del territorio - ha aggiunto il rettore -. Stiamo presentando il progetto agli interlocutori istituzionali e ai nostri sostenitori e speriamo possa essere condiviso». Tra le realtà che contribuiranno alla nascita della nuova sede ci sono già le Ancelle della Carità, la Fondazione Poliambulanza e la Fondazione Banca San Paolo. 

Nel nuovo campus di Mompiano confluiranno tutte le attività dell'ateneo che oggi sono frammentate in diverse sedi in città, mentre lo storico palazzo di via Trieste dovrebbe continuare ad ospitare gli uffici del rettorato. Una soluzione che garantirà adeguata accoglienza ad un numero crescente di studenti. «Solo nell'ultimo anno le immatricolazioni sono cresciute del 6% - ha sottolineato il rettore - e sono più di 3800 quest'anno gli iscritti alla sede bresciana».

Un'anteprima della nuova sede dell'Università Cattolica

Tra le facoltà che hanno suscitato maggiore interesse negli ultimi anni quella di Scienze Politiche, ma anche Psicologia e Lingue e Letterature Straniere. «Stiamo lavorando in sinergia con le realtà del territorio per far sì che l'attività formativa possa accogliere tutte le richieste che provengono dal tessuto imprenditoriale» conclude Anelli. 

Tra le novità annunciate nel corso del Dies Academicus l'avvio di un nuovo corso di laurea magistrale, afferente alla facoltà di Scienze Politiche, in Gestione delle organizzazioni nei sistemi globali (GEOR).

 

Articoli in Brescia e Hinterland

Lista articoli