Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Brescia e Hinterland

EMERGENZA NEL BRESCIANO

Tetti e camini: oltre 300 incendi l'anno. Ecco come evitarli


Brescia e Hinterland
31 dic 2016, 11:32
Vigili del fuoco in azione (foto d'archivio)

Un tetto o una canna fumaria che se ne vanno in fumo ogni giorno. Oltre 300 episodi l’anno. É un bollettino di guerra quello che, nel Bresciano, i numeri offrono nella loro oggettività. Che nulla dice di disagi, dolore e ripercussioni economiche sperimentati da chi, da un’ora con l’altra, si trova a fare i conti con danni ingenti o ad essere del tutto senza casa.

La cronaca degli ultimi giorni purtroppo evidenzia ancora l’entità del fenomeno di incendi tetto e canne fumarie. «Una frequenza troppo elevata e non accettabile» stigmatizza il comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, ing. Agatino Carrolo. Basti pensare che degli 8.752 interventi del 2016, 2.440 sono stati per incendi. E oltre uno ogni 10 di questi per il rogo di camini o tetti. 

Leggi e scarica i consigli pratici dei VVF

Molte le cause. Dagli errori progettuali, alla realizzazione di canne fumarie non a regola d'arte, sino ad un utilizzo di camini e impianti termini non rispondente alle previsioni. E alla mancata manutenzione, tanto frequente quanto pericolosa. 

Per contrastare fuliggine, surriscaldamenti di canne fumarie e tetti, e per verificare se il sistema di casa propria è in ordine ecco in dettaglio tutte le indicazioni ripercorse dal comadante provinciale dei Vigili del Fuoco, ing. Agatino Carrolo.

 

Articoli in Brescia e Hinterland

Lista articoli