Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Brescia e Hinterland

IL PUNTO

Studenti vaccinati: Brescia oltre il 77%, più del resto d'Italia


Brescia e Hinterland
28 ott 2021, 06:50
COVID, VACCINI E GIOVANI

La paventata esplosione autunnale dei contagi non c’è stata, e sebbene numeri ufficiali sulle classi attualmente in quarantena non ce ne siano nè sia stato varato il nuovo, atteso documento sulle quarantene, che dovrebbe uniformare i protocolli e decisioni delle Asl di tutta Italia, le lezioni negli istituti continuano in gran parte a svolgersi in presenza. Ma il monitoraggio Gimbe «Sicurezza Covid-19 nelle scuole», mette in allerta: «Ancora non c’è un effetto scuola» ma «i focolai segnalati invitano a tenere alta la guardia». Insomma, al momento la situazione nelle scuole è sotto controllo, merito certamente della campagna vaccinale. Se da un lato va tenuto conto dello «zoccolo duro» di personale scolastico non vaccinato (a livello nazionale sfiora il 6%, rileva la Fondazione Gimbe), dall’altro va rilevato come l’adesione degli studenti alla campagna di immunizzazione sia alquanto convinta, considerando anche il fatto che le fasce più giovani della popolazione hanno avuto accesso per ultime ai vaccini. Il report attesta, al 25 ottobre, che il 72,7% della popolazione compresa fra i 12 ed i 19 anni (3.064.055) ha fatto la prima dose. Guardando ai dati pubblicati dal governo, la media regionale lombarda delle prime dosi in questa fascia d’età è del 74,74%, mentre nella nostra provincia (dati Ats Brescia, con l’esclusione quindi della Valle Camonica) raggiunge il 77,13% (71.574 ragazzi vaccinati con la prima iniezione).

Articoli in Brescia e Hinterland

Lista articoli