Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

Brescia e Hinterland

IL CASO

Neonato morto, il gemello resta sotto osservazione


Brescia e Hinterland
12 ago 2018, 13:17

Una culla termica nel reparto di Terapia intensiva neonatale - Foto © www.giornaledibrescia.it

Preferiscono rimanere in silenzio i genitori del piccolo Paolo, il neonato morto agli Spedali Civili di Brescia a causa del batterio Serratia marcescens, contratto nel reparto di terapia intensiva neonatale. 

Anche questa mattina i genitori, entrambi bresciani, sono entrati in ospedale per assistere il secondo figlio, gemello della vittima. Anche lui ha contratto il batterio ed è attualmente uno dei sei casi sotto osservazione. Le condizioni del piccolo sarebbero stabili. 

I due gemelli erano nati prematuramente e in condizioni critiche a fine giugno.

Già domani dovrebbe essere eseguita l'autopsia sul corpo del piccolo per stabilire con esattezza le cause del decesso. 

«Sembrava in condizioni stabili poi all'improvviso è peggiorato. Abbiamo intrapreso la terapia, ma non ce l'ha fatta», ha spiegato il professor Gaetano Chirico, primario del reparto di terapia intensiva neonatale dell'ospedale bresciano.

 

 

Articoli in Brescia e Hinterland

Lista articoli