Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Brescia e Hinterland

POLITICA

La Loggia deve decidere cosa fare dopo le elezioni politiche e per il 2023


Brescia e Hinterland
15 set 2022, 18:33
Uno scorcio di Palazzo Loggia - Foto Marco Ortogni/Neg © www.giornaledibrescia.it

Uno scorcio di Palazzo Loggia - Foto Marco Ortogni/Neg © www.giornaledibrescia.it

C’è ancora tempo, ma non ce n’è più tantissimo. Soprattutto perché le decisioni da prendere iniziano ad accumularsi. Metabolizzata la caduta imprevista del governo Draghi, con campagna elettorale estiva incorporata, le elezioni politiche del 25 settembre hanno modificato tutte le scacchiere. Inclusa quella di Palazzo Loggia.

L’elenco dei grattacapi politici da risolvere entro ottobre, anziché accorciarsi, si allunga per il centrosinistra: oltre alle Regionali, c’è un candidato sindaco ancora da designare per le elezioni amministrative del 2023 e, soprattutto, c’è un rimpasto - seppur mini - da imbastire proprio sul finire del mandato, quando i bilanci sono terreno fertile per snocciolare i successi incamerati e richiedere agli elettori del capoluogo la fiducia accordata nell’ultimo decennio a guida Emilio Del Bono.

Articoli in Brescia e Hinterland

Lista articoli