Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Brescia e Hinterland

AMBIENTE

Centocinquanta bocciature: l’aria bresciana è da maglia nera


Brescia e Hinterland
23 gen 2019, 08:37
Brescia è prima nella classifica dell'inquinamento atmosferico

Brescia è prima nella classifica dell'inquinamento atmosferico

Anche per il 2018 l’aria bresciana ha ottenuto una pessima pagella, la peggiore d’Italia. Lo rivela il dossier annuale di Legambiente «Mal d’aria», che, con centocinquanta giorni di esubero rispetto ai limiti consentiti, mette Brescia in cima alla lista delle città più inquinate del Bel Paese. Seguono Lodi, con 149 giorni, Monza (140), Milano (135), Bergamo e Cremona (127).

Nello specifico, a Brescia sono 47 le giornate di esubero rispetto al limite massimo (di 35) per il pm10 e ben 103 (contro le 25 consentite) per quanto riguarda l’ozono. Sulle polveri sottili la nostra città sta lavorando e ha infatti avuto risultati migliori di Lodi, Milano, Cremona, Pavia e Monza, ma sull’ozono nessuno ha fatto peggio.

E se l'assessore all'Ambiente del Comune di Brescia Miriam Cominelli sottolinea che i giorni di esubero delle polveri sottili sono diminuiti, Legambiente chiede interventi più coraggiosi: «Brescia - ha affermato Lorenzi - ha problemi sia in inverno, con le polveri sottili, sia in estate, con l’ozono. Non si può più proseguire con misure circoscritte a singoli giorni o periodi dell’anno, perché il mal d’aria è cronico. Servono quindi misure strutturali». 

 

Leggi l'articolo completo sul Giornale di Brescia in edicola oggi, scaricabile anche in formato digitale.

 

 

Articoli in Brescia e Hinterland

Lista articoli