Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Brescia e Hinterland

L'INIZIATIVA

Abbonamenti in regalo ai «Cuori in prima linea»


Brescia e Hinterland
28 giu 2020, 07:00
CUORI IN PRIMA LINEA

Il Giornale di Brescia e Intesa Sanpaolo vogliono così ringraziare tutti coloro che hanno affrontato i mesi più bui dell’emergenza coronavirus e regalando loro 2.500 abbonamenti per tre mesi al nostro quotidiano. Ma il progetto «Cuori in prima linea» è molto di più, si fa anche memoria.

Il regalo. Per tutti coloro che hanno affrontato la pandemia, dai medici agli operatori, chi cioè ha garantito igiene e sicurezza negli ospedali con reparti Covid, passando per i medici di famiglia e i pediatri, ci sono a disposizione, gratuitamente per tre mesi, 2.500 abbonamenti digitali al Giornale di Brescia. Per riceverlo, come per avere maggiori informazioni, basta un click: ci si deve collegare al sito iniziative.giornaledibrescia.it e poi compilare con i propri dati le varie schermate che verranno proposte. La richiesta va inviata entro il 16 luglio e sarà valida fino all’esaurimento dei 2.500 abbonamenti a disposizione.

Le storie. Ma «Cuori in prima linea» vuole anche raccogliere le storie di chi ha lottato contro il Covid-19. Un modo per non dimenticare quei giorni in cui tutto scorreva nel silenzio tagliato solo dall’urlo delle sirene delle ambulanze. Per imprimere nella memoria, soprattutto dei posteri, il coraggio, la passione, l’amore per la vita e il lavoro. «Il nostro mestiere è raccontare i fatti e le storie - sottolinea il direttore del Giornale di Brescia Nunzia vallini - ma anche dare spazio a quelle tante voci che nell’anonimato del quotidiano fanno e hanno fatto la storia. Un patrimonio di dedizione, impegno, dolore, ma anche gioia che non deve andare disperso nè dimenticato». E così chiediamo a tutti coloro ai quali il progetto è rivolto, ma anche a chi ha vissuto questa emergenza da paziente, di raccontare le loro storie o di mandateci pensieri dedicati all’esperienza di questo mesi difficili ed intensi a cuorinprimalinea@giornaledibrescia.it

Il grazie. Il progetto vede, come detto, il nostro quotidiano collaborare con Intesa Sanpaolo che dona i 2.500 abbonamenti:«Ringraziamo Intesa Sanpaolo per aver scelto il GdB come veicolo di gratitudine per coloro che si sono spesi per gli altri» rimarca il direttore del Giornale di Brescia Nunzia Vallini. Un modo anche per alleggerire i momenti di riposo di chi ha dato tutto. E anche di più. Tenersi informati e portare la testa altrove. «È con grande senso di responsabilità che siamo scesi in campo - dice Tito Nocentini, direttore regionale Lombardia di Intesa Sanpaolo - con interventi concreti in campo sanitario, sociale ed economico, anche nel territorio bresciano, per il contrasto agli effetti del coronavirus».L’iniziativaIl nostro «grazie» a chi ha lavorato in prima linea

Articoli in Brescia e Hinterland

Lista articoli