Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Brescia e Hinterland

I DATI

A Brescia, un decennio di elezioni che ricalca la politica italiana


Brescia e Hinterland
28 set 2022, 06:00
Il centro storico della città con il serpentone di via San Faustino - © www.giornaledibrescia.it

Il centro storico della città con il serpentone di via San Faustino - © www.giornaledibrescia.it

In un decennio di elezioni la geografia del voto a Brescia si è modificata rispecchiando i trend nazionali. Brescia è una sorta di cartina di tornasole delle fortune e dei declini di partiti e figure politiche nazionali che addirittura nella nostra città amplificano i loro risultati, come nelle ultime due tornate Europee. Ma partiamo da quanto accaduto tre giorni fa. La vittoria della coalizione di centrodestra sancisce un’affermazione storica di Fratelli d’Italia che sale al 24,11% (22.688 voti) e sorpassa il Pd al palo al 23,5%. La mappa che colora i quartiere in base al partito con la maggioranza relativa conferma, per iniziare la tenuta dei democratici nel centro storico, a Mompiano, a San Rocchino, Borgo Trento, Sant’Eustacchio; per poi espandersi oltremella (tranne che alla Badia) e scendere a sud: Don Bosco, Porta Cremona, Lamarmora, Villaggio Sereno, San Polo Parco e Sanpolino.

Articoli in Brescia e Hinterland

Lista articoli