Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

LA REAZIONE

Croce del Papa, «costruirne un'altra sa di beffa»


Valcamonica
8 ott 2016, 17:12

«Non esiste risarcimento che possa restituire l’unico figlio all’affetto dei suoi genitori. Prendiamo atto della decisione e aspettiamo l’esito del processo».

Valentino Imberbi, avvocato della famiglia Gusmini, commenta così la notizia del risarcimento di 700mila euro per i genitori del ragazzino di Lovere morto sotto la croce di Job. 

«I miei assistiti si sono chiamati fuori dal processo, ma non hanno chiesto l’archiviazione perché è giusto che tutti coloro che hanno responsabilità diretta o indiretta nella tragedia, siano sottoposti ad un giusto processo» ha aggiunto. Né i genitori di Marco, né il loro legale erano presenti all’udienza di ieri.

Intanto, sul dosso dell’Androla, la nuova croce in acciaio è issata, ma la famiglia non dimentica. «Prima si lascia che accadano le tragedie, poi ci si preoccupa di mettere in sicurezza i luoghi - ha concluso il legale -. Vedere un monumento nuovo identico a quello che costò la vita a Marco e sapere che solo ora sono state prese tutte le precauzioni, suona come una beffa».

Articoli in Valcamonica

Lista articoli