Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

Orizzonti

Musica in cuffia per «Veduta», la performance oltre il teatro


Tempo Libero
20 ott 2019, 06:30

«Veduta» si riferisce alla veduta urbana, allo scenario comune che ogni giorno si distende di fronte ai nostri occhi, al panorama, alla linea dell’orizzonte. Ma si riferisce anche allo stravolgimento di questa stessa visuale. La compagnia mk - tra le più interessanti e riconosciute a livello internazionale - ha portato questo spettacolo «site specific» in città.

Le quattro tranche sono state pensate per un motivo ben preciso: la performance non si è tenuta nelle sale del Teatro Grande - che è rimasto comunque il luogo di ritrovo - bensì in uno spazio tenuto segreto fino all'ultimo della città: piazza Paolo VI e palazzo Negroboni.

La pièce, coreografata da Michele Di Stefano sulla musica di Lorenzo Bianchi Hoesch e danzata da Biagio Caravano, Roberta Mosca e Laura Scarpini, ha proposto al pubblico una nuova prospettiva sulla città, attraverso una fruizione innovativa (con la musica in cuffia, singolarmente) e la visione dei performer da un affaccio

Articoli in Tempo Libero

Lista articoli