Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

ARTE E VITA

Lo scultore che a Brescia scoprì l'attrazione fatale per il marmo


Tempo Libero
22 set 2019, 12:26

Sono passati 40 anni esatti da quando un giovane artista capellone attraversava corso Zanardelli portando un blocco di marmo aquistato a Carrara su un passeggino, con tutta la determinazione a realizzare la sua prima scultura.

Oggi l’uruguaiano Pablo Atchugarry è uno scultore di fama internazionale che questa estate ha portato le sue opere (e il ricordo fotografico di quei giorni bresciani) ai piedi di quelle Alpi Apuane, i monti che nel nostro immaginario sono associati al loro splendido marmo.

E a confermarci in questa convinzione è proprio la sua mostra «The evolution of a dream» allestita a Pietrasanta fino al 29 settembre. «Le sculture di marmo sono i figli della montagna e, quindi, in questo caso sono le Alpi Apuane a guidare la mia...

Leggi l’articolo integrale sull’edizione del GdB in edicola oggi, domenica 22 settembre, scaricabile anche in formato digitale.

Articoli in Tempo Libero

Lista articoli