Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

L'INTERVISTA

Graffiti: forza creativa in città, altro che estetica del carino


Tempo Libero
14 nov 2021, 06:00

C’è un manoscritto gotico vergato sui muri delle nostre città e sui treni che sfrecciano da un capo all’altro dello Stivale. Caratteri all’apparenza illeggibili. Segni ostici bollati come brutture. Eppure quegli scarabocchi hanno regole, forme, struttura. Per capirli servono occhi allenati e - come per gli incunaboli - una chiave d’interpretazione. A fornirla è il ricercatore Alessandro Mininno che, per i tipi della casa editrice veneziana «bruno», pubblica «Graffiti Writing in Italy 1989- 2021», riedizione del fortunato saggio uscito nel 2008 per Mondadori Illustrati.

Ecco come il ricercatore bresciano spiega l’essenza di uno «sport estremo» che si distanzia dall’arte e dai «muretti legali».

Articoli in Tempo Libero

Lista articoli