Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

A CONCESIO

«Dipingere la filosofia»: in mostra le opere di Jean Guitton


Tempo Libero
24 gen 2019, 07:34
JEAN GUITTON IN MOSTRA

«Le mie preferenze vanno al ritratto. Non riesco a studiare un autore filosofico, nemmeno a vedere un amico, senza tentare di dipingerne il volto». Così si esprimeva Jean Guitton il filosofo-artista francese a cui è dedicata la mostra «Dipingere la filosofia» alla Collezione Paolo VI di Concesio.

L’esponente di spicco della cultura cattolica del Novecento è stato per lunghi anni molto legato a Paolo VI e al suo segretario, monsignor Pasquale Macchi. Un rapporto che si legge in tanti acquerelli in mostra da sabato (e fino al 9 marzo) e che danno il senso di un legame di amicizia che porta Guitton a ritrarre il Papa in piccoli momenti intimi come quando si ferma a dare da mangiare a dei pesci rossi nei giardini di Castel Gandolfo.

«Ogni anno la Collezione propone in apertura di stagione la mostra di un artista "storico" particolarmente legato a Papa Montini che valorizzi il messaggio di apertura nei confronti dell’arte contemporanea che è stato promosso dalla Chiesa postconciliare, specialmente per iniziava del Santo Paolo VI» spiega Paolo Sacchini direttore della Collezione Paolo VI e curatore con Marisa Paderni della mostra.

«Dipingere la filosofia» è composta da una cinquantina di opere scelte tra le oltre 200 di Guitton in possesso della Collezione. La prima sezione della mostra è dedicata ai Ritratti e si compone di 20 volti di personaggi storici, letterari e biblici: dal Don Quijchote a Paul Claudel, da Pascal a Maurice Zundel a cui seguono alcuni personaggi dell’Antico e del Nuovo Testamento. La seconda invece comprende dipinti dedicati alla storia sacra. La terza presenta infine il rapporto che Guitton ha coltivato con San Paolo VI.

 

Articoli in Tempo Libero

Lista articoli