Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Con DAZN 3 partite di Serie A TIM a giornata in esclusiva. Abbonati subito

CALCIO

Zona Cesarini? Adesso chiamatela «zona Brescia»


Sport
16 apr 2019, 08:49

La «zona Brescia», che ha ufficialmente preso il posto della «zona Cesarini» era già super affollata diprotagonisti. Ma a tutti piace farci un giro dentro. E l’ebbrezza di un gol nel finale, un gol pesante come tre macigni, stavolta è toccata ad un «insospettabile» come Romagnoli.

Perché in questo Brescia c’è spazio, tempo e posto per chiunque voglia farsi protagonista. Per l’impresa speciale di Livorno, il capitano facente funzione Romagnoli, s’è travestito da Carla Fracci con una spaccata-scivolata da palcoscenico: «Ma la parte più grossa e importante l’ha fatta Torregrossa che ha fatto una giocata clamorosa: io al massimo sono stato bravo a leggere la situazione e a buttarmi. È andata bene e siamo felici».

Ma dove si è sentito Romagnoli dopo quel gol? In Paradiso o dove? «Sinceramente non lo so dire. So solo che la cosa più bella è stata vedere tutta la squadra venire ad abbracciarmi. Tutti i ragazzi in campo e anche quelli che erano in panchina: è davvero una gioia percepire in ogni circostanza che siamo un grande gruppo che non molla un centimetro, che va sempre avanti a fare il suo in qualsiasi situazione». 

 

Leggi gli approfondimenti completo sul Giornale di Brescia in edicola oggi, scaricabile anche in formato digitale.

 

Articoli in Sport

Lista articoli