Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

DIDATTICA

Con il metodo del bresciano Andreoletti, la scienza è uno spasso


Scuola e Università
Scuola
8 lug 2019, 08:25
Federico Andreoletti con alcuni studenti - © www.giornaledibrescia.it

Federico Andreoletti con alcuni studenti - © www.giornaledibrescia.it

Chi ha sempre pensato alla scuola italiana come regno incontrastato della letteratura, del latino e della storia, ma con un ruolo ancillare, rispetto al resto d’Europa e agli Stati Uniti, nello studio delle materie scientifiche, dovrà presto ricredersi. E uno degli esempi più brillanti dell’eccellenza didattica italiana nell’insegnamento delle «hard sciences» arriva proprio da Brescia.

Federico Andreoletti è docente di fisica al liceo Don Bosco e presidente dell’associazione scientifica «Aghi magnetici», attraverso la quale ha iniziato a sviluppare progetti anche nelle scuole primarie e secondarie di primo grado: «Credo che uno degli aspetti fondamentali - spiega Andreoletti - sia innescare fin dall’infanzia la curiosità verso le discipline scientifiche, facendole percepire ai bambini come strumenti in grado di generare la meraviglia della scoperta».

Da questa prospettiva sono nati laboratori e progetti, che nel tempo sono diventati sempre più strutturati, fino a coinvolgere scuole di altri Paesi europei. È il caso di «Beyond the water», nato nel 2017 quando Andreoletti, al Science on Stage festival di Debrecen, in Ungheria, incontrò i docenti Emma Crisell, del Regno Unito, e Nataliya Kazachkova, dell’Ucraina. «L’obiettivo - racconta Andreoletti - era fare della scienza un collante tra culture, mettere in contatto ragazzi di diverse nazionalità attraverso gli esperimenti scientifici, stimolandoli a condividere le proprie esperienze e a porre sfide e quesiti». Nello specifico, «Beyond the water», oltre che in Ucraina e nel Regno Unito, è attivo in tre scuole primarie bresciane (Marcolini, Bertolotti e Deledda), dove ogni anno guida circa 180 bambini alla scoperta delle leggi scientifiche attraverso esperimenti che partono da una semplice materia prima: l’acqua.

Ne sono derivate esperienze come «La bolla di sapone statica», «Marmo all’hydrogel», «Gocce d’olio nell’acqua» e «Fluidi non newtoniani». Tanti i temi e le discipline implicati: dallo studio della luce e dei colori, alla forza di gravità, la meteorologia, l’inquinamento atmosferico, la chimica, la biologia e la fisica… Dopo la presentazione dei progetti in classe, i ragazzi si mettono alla prova con gli esperimenti e successivamente ne condividono processo e risultati con i compagni in aula e con gli studenti stranieri.

Andreoletti è attivo a livello internazionale: lo scorso anno si è recato in Ucraina per portare il progetto in cinque scuole di Kharkiv e nelle prossime settimane sarà ad Harrogate, in Inghilterra. Non solo. «Beyond the water» sarà presentato al festival scientifico internazionale «Science on Stage», che si svolgerà ad ottobre in Portogallo.

 

Articoli in Scuola

Lista articoli