Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Lettere al Direttore

Il senso e la finalità delle bocciature

Redazione Web

Lettere al direttore
2 ott 2011, 06:00

Non credevamo ai nostri occhi quando nello scorso luglio abbiamo letto sui giornali la sintesi del documento dell'Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) che, nell'interpretazione dei giornalisti di quasi tutti i quotidiani italiani, invitava i docenti europei a non bocciare gli studenti. In realtà i funzionari dell'Ocse affermano che la bocciatura non aiuterebbe gli studenti in difficoltà, mentre viceversa aumenta i costi per l'istruzione. Inoltre l'Ocse non si rivolge agli insegnanti, ma ai Governi.
È vero che in molti casi la bocciatura non aiuta lo studente, poiché non è in grado di eliminare le sue difficoltà, nella maggior parte dei casi dovute ad insufficienti motivazioni allo studio, che spesso si ripresentano negli anni successivi. In altri casi la bocciatura è utile allo studente, lo rende consapevole di non aver raggiunto gli obiettivi minimi e lo sollecita a riconsiderare il suo impegno.
Tuttavia la questione centrale non è questa: il fine principale delle bocciature non consiste nel perseguire il bene dei bocciati, bensì quello di tutti gli altri (cioè i promossi) e dell'intera società.
Se uno dicesse: aboliamo le multe per le infrazioni al Codice della strada, poiché è dimostrato, dati alla mano, che le multe non fanno bene ai multati e non diminuiscono la loro propensione a violare le norme, sarebbe facile rispondergli che il rischio delle multe contribuisce a fare in modo che la gran parte degli automobilisti rispetti maggiormente le regole e quindi riduce incidenti, danni, morti e feriti.
Allo stesso modo se si abolissero le bocciature, verrebbe meno una delle cause fondamentali che spingono gli studenti a stare attenti in classe, a svolgere i compiti a casa, a dedicare tempo e impegno nello studio, a cercare di rimediare alle insufficienze: la qualità della scuola e i livelli d'apprendimento si abbasserebbero notevolmente.
Anche dal punto di vista economico il ragionamento dell'Ocse non sta in piedi: è vero che uno studente delle superiori costa allo Stato circa 5.000 euro annui (quindi nell'immediato un calo di bocciature costituisce un risparmio), ma i solerti funzionari dell'Ocse non hanno calcolato quale enorme danno economico ne deriverebbe per la società dal peggioramento della preparazione degli studenti?
È ovvio che la bocciatura in sé non è desiderabile: è l'ultima soluzione, quando tutti i tentativi di recupero sono falliti e le competenze minime non sono acquisite (non a caso le scuole di qualità hanno percentuali di non promozione un poco inferiori alla media).
Negli ultimi anni, però, l'aumento degli alunni per classe e i ripetuti tagli di bilancio rischiano oggettivamente di aggravare il fenomeno.
Maurilio Lovatti
Stefania Pagnoni
Paola Baroggi

seguono 22 firme di docenti
del Liceo di Stato Copernico
Brescia
 

Articoli in Lettere al direttore

Lista articoli