Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Italia ed Estero

DUPLICE OMICIDIO

Trieste in lutto per i due poliziotti uccisi in Questura

Redazione Web

Italia ed Estero
5 ott 2019, 10:47
Fiori per ricordare gli agenti uccisi deposti davanti alla Questura di Trieste - Foto Ansa/Alice Fumis

Fiori per ricordare gli agenti uccisi deposti davanti alla Questura di Trieste - Foto Ansa/Alice Fumis

Oggi è il giorno del lutto cittadino a Trieste, dove ieri due i poliziotti Pierluigi Rotta e Matteo Demenego sono stati uccisi in Questura da un uomo che ha aperto il fuoco dopo aver sottratto loro le pistole d'ordinanza. I palazzi delle istituzioni sono stati listati a lutto. 

Ieri sera vertice con il ministro dell'Interno Lamorgese, il capo della Polizia Gabrielli, il prefetto Valenti, il sindaco, il presidente della Regione e il procuratore capo. Sul fronte delle indagini, l'uomo che ha sparato, Alejandro Augusto Stephan Meran, dominicano di 29 anni, di origini dominicane, si è avvalso della facoltà di non rispondere agli inquirenti

Meran, che ha problemi psichici, è accusato di omicidio plurimo e tentato omicidio. Gli inquirenti ritengono che sussista il pericolo di fuga e di reiterazione di reato e per questo ne hanno chiesto la custodia cautelare in carcere.

La madre chiede perdono alle famiglie delle vittime e racconta che il figlio la sera prima della sparatoria «non riusciva a dormire, sentiva delle voci». Sequestrate le fondine e le armi degli agenti, il sindacato di polizia Sap accusa: «C'erano problemi, al primo agente è stata sfilata la pistola perché aveva una fondina vecchia, in quanto quella in dotazione si era rotta. Al secondo, la fondina sarebbe stata strappata dalla cintura». 

 

 

Articoli in Italia ed Estero

Lista articoli