Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Italia ed Estero

IL CASO

L'arresto di Marco Carta non è stato convalidato


Italia ed Estero
1 giu 2019, 18:04
Marco Carta - Foto Ansa/Andrea Merola © www.giornaledibrescia.it

Marco Carta - Foto Ansa/Andrea Merola © www.giornaledibrescia.it

Non è stato convalidato dal giudice l'arresto del cantante Marco Carta, fermato ieri sera dalla polizia locale di Milano con l'accusa di aver rubato delle magliette alla Rinascente di piazza Duomo

Al contrario, la misura cautelare è stata convalidata per la donna di 53 anni fermata assieme all'artista. La borsa contenente le 6 magliette rubate dal negozio, e del valore di circa 1200 euro, sarebbe infatti di proprietà della donna. L'ex vincitore di «Amici» risulta quindi estraneo all'accusa di furto.

«Un vecchio proverbio diceva "male non fare, paura non avere", ho continuato a ripetermelo in attesa di vedere il magistrato e ho fatto bene a ripetermelo e ad aver fiducia nella magistratura che ha riconosciuto la mia totale estraneità ai fatti», ha dichiarato in merito Carta, lanciando un appello: «sono molto scosso spero e mi auguro con tutto il cuore che la stampa e il web diano alla notizia della mia estraneità al reato di furto aggravato la stessa rilevanza che hanno dato all'arresto».

«Quando sai di essere ingiustamente accusato - ha proseguito Carta - pensi alla tua famiglia e alle persone a te care che leggono notizie e si allarmano e soffrono inutilmente». E ha concluso: «Vi prego di restituire a loro la serenità che meritano. Sono una persona onesta e certamente non rubo. Grazie ancora e spero mi aiutiate per me e per loro a fare chiarezza».

Ma chi le ha rubate?, gli hanno chiesto i giornalisti. «Non mi va di dirlo. Non faccio la spia. Non sono stato io questa è la cosa più importante e sono felice di poterlo dire» ha risposto il cantante precisando che «magari ne approfitterò per chiarire bene sui social». 

 

 

Articoli in Italia ed Estero

Lista articoli