Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Italia ed Estero

LE INDICAZIONI

Coronavirus, la Fase due per chi va in chiesa


Italia ed Estero
16 apr 2020, 16:45
In Cattedrale le celebrazioni pasquali - Foto Marco Ortogni/Neg © www.giornaledibrescia.it

In Cattedrale le celebrazioni pasquali - Foto Marco Ortogni/Neg © www.giornaledibrescia.it

Un volontario alla porta per misurare il numero di persone che può partecipare alla messa: potrebbe essere questa una delle modalità per l'accesso alle chiesa nella cosiddetta Fase 2. Come per ogni altra attività, anche il ritorno alla normalità della vita ecclesiale, sospesa dall'emergenza coronavirus, dovrebbe vedere un periodo di transizione.

Se sarà possibile, a partire dal 4 maggio, ricominciare a celebrare con la presenza di persone andranno infatti garantite le misure di distanza di almeno un metro. Una particolare attenzione dovrà essere dedicata agli anziani. Si dovrebbe continuare a tralasciare il segno della pace, come anche una particolare attenzione sarà dedicata alla igienizzazione dei locali, compresi i confessionali e i microfoni. Per quanto riguarda la distribuzione della Comunione dovrebbe essere data solo nelle mani e particolari accortezze, nella igienizzazione delle mani prima della Comunione, dovrebbero essere seguite dai ministri, sacerdoti o diaconi.

Una limitazione potrebbe esserci anche nei cori. Si è già visto in questi giorni in tv il coro della Cappella Sistina, che ha accompagnato le celebrazioni del Papa durante la Settimana Santa, presente a ranghi molto ridotti e garantendo un importante distanziamento tra un corista e l'altro. Si auspica, sempre dopo la data del 3 maggio, la ripresa della celebrazione di funerali, battesimi e matrimoni ma con la presenza solo dei parenti più stretti e comunque con un numero limitato di persone.

Allo studio anche le modalità per riprendere gli incontri ecclesiali, anche se per il catechismo dei ragazzi si resterebbe, almeno fino alla ripresa dopo l'estate, con modalità a distanza (videochiamate o incontri online).

Rinviate all'autunno in molte diocesi le Prime Comunioni e le Cresime che tradizionalmente si tengono tra maggio e giugno. L'ultima pagina sarà invece quella della ripresa dei pellegrinaggi. Quando si ricomincerà ad andare a Lourdes o in Terra Santa sarà il segnale che l'emergenza coronavirus è davvero alle spalle.

 

Articoli in Italia ed Estero

Lista articoli