Italia e Estero

Francia, Meloni: elezioni in cui nessuno può cantare vittoria

French President Emmanuel Macron (L) during the welcome ceremony with Italy's Prime Minister Giorgia Meloni (R), during the G7 Borgo Egnazia Summit in Borgo Egnazia (Brindisi), southern Italy, 13 June 2024. The G7 Borgo Egnazia Summit will be held from 13 to 15 June 2024. ANSA/ETTORE FERRARI
French President Emmanuel Macron (L) during the welcome ceremony with Italy's Prime Minister Giorgia Meloni (R), during the G7 Borgo Egnazia Summit in Borgo Egnazia (Brindisi), southern Italy, 13 June 2024. The G7 Borgo Egnazia Summit will be held from 13 to 15 June 2024. ANSA/ETTORE FERRARI
AA

WASHINGTON, 08 LUG - "Penso che la lettura che ho visto da più parti di una sconfitta di Rn sia un po' semplicistica perché, se vogliamo guardare a quello che è accaduto in Francia, la verità è che nessuno può cantare vittoria". Lo ha detto la premier Giorgia Meloni, a Washington per partecipare al vertice della Nato. "C'erano tre schieramenti: nessuno dei tre si è affermato, nessuno dei tre è in grado di governare da solo. Vedremo cosa accadrà. Il risultato elettorale del secondo turno è che nessuno ha vinto le elezioni", ha aggiunto Meloni. "Vedremo la formazione del governo che non sarà facile. Posso dire per esperienza personale che è più facile governare quando si sta insieme perché si condividono delle idee piuttosto che quando si sta insieme perché si condivide un nemico", ha continuato la premier. "Per quanto riguarda noi, eravamo abituati a un tempo nel quale l'Italia era una nazione instabile in un'Europa che aveva, soprattutto fra le grandi nazioni, governi molto solidi. Oggi vediamo una realtà molto diversa. Vediamo un'Italia con un governo molto solido in un'Europa nella quale ci sono invece dei governi meno stabili del nostro", ha osservato Meloni.

Riproduzione riservata © Giornale di Brescia