Italia e Estero

Casellati, Francia ora in affanno, non avrà stabilità

Il ministro per la disabilità Alessandra Locatelli, Il ministro delle riforme, Elisabetta Alberti Casellati, Il ministro degli esteri Antonio Tajani, al senato della repubblica in occasione del question time. Roma, 4 luglio 2024 ANSA/MASSIMO PERCOSSI
Il ministro per la disabilità Alessandra Locatelli, Il ministro delle riforme, Elisabetta Alberti Casellati, Il ministro degli esteri Antonio Tajani, al senato della repubblica in occasione del question time. Roma, 4 luglio 2024 ANSA/MASSIMO PERCOSSI
AA

ROMA, 09 LUG - "Nel sistema inglese, che è il sistema parlamentare più antico, abbiamo visto come il neopremier Starmer abbia vinto le elezioni con un sistema maggioritario ad unico turno. Con il 33,7% dei voti ha ottenuto il 65% dei seggi. Questo risultato è stato accolto in Italia dalle opposizioni come una grande vittoria, una svolta dopo tanti anni di governo dei conservatori, ma a questo proposito - e a differenza di quello che è stato detto falsamente contro la riforma del premierato italiano - non ho sentito levarsi nessuna voce su "derive plebiscitarie". Anzi, nel dibattito che c'è stato al Senato sulla riforma del premierato, è stata evocata più volte persino la Legge Acerbo che col 25% prendeva quasi la totalità dei seggi. Un salto mortale per me e per il centrodestra inimmaginabile per qualsiasi legge elettorale. Il solito doppiopesismo". Lo ha detto il ministro per le Riforme istituzionali e la semplificazione normativa Elisabetta Casellati stamattina ad Agorà Estate su Raitre. "Dall'altra parte abbiamo la Francia, nella quale vige un sistema semipresidenziale e si vota con il doppio turno, dove Le Pen ha avuto il 33% dei consensi, ma al ballottaggio è stata superata da avversari che invece di costruire un programma comune hanno dato vita ad un'accozzaglia di partiti. In questo modo il Paese è in affanno perché non avrà stabilità: si vincono le elezioni con un cartello elettorale ma non si riuscirà a governare", conclude.

Riproduzione riservata © Giornale di Brescia

Argomenti