Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Economia

CINQUE CANDIDATI

Confindustria, la corsa alla presidenza entra nel vivo


Economia
24 gen 2020, 06:00
Il logo di Confindustria all'ingresso della sede di Roma - Foto Ansa/Giuseppe Lami © www.giornaledibrescia.it

Il logo di Confindustria all'ingresso della sede di Roma - Foto Ansa/Giuseppe Lami © www.giornaledibrescia.it

Sono attese entro la fine della prossima settimana le candidature per la prossima presidenza di Confindustria. Per la linea di partenza non dovrebbero esserci sorprese rispetto allo scenario fin qui delineato dalle indiscrezioni: cinque industriali in corsa; una donna, Licia Mattioli, poi Carlo Bonomi, Andrea Illy, Emanuele Orsini, Giuseppe Pasini.

Sarà solo una prima griglia che non sbarrerà la strada alla possibilità di altre candidature dalla base: per cinque settimane verrà scandagliato il clima in tutte le articolazioni del sistema di rappresentanza degli industriali per sondare come si muove il consenso e far così emergere eventuali nuovi nomi.

A gestire questa fase, delicata per i meccanismi e le sensibilità interni in via dell'Astronomia, saranno i «tre saggi»: la nomina di Maria Carmela Colaiacovo, Andrea Tomat e Andrea Bolla, avvenuta per sorteggio in consiglio generale da una rosa di nove industriali, ha segnato l'avvio dell'iter che porterà a fine marzo alla designazione in consiglio del futuro presidente, e a fine maggio all'elezione nell'assemblea privata di Confindustria. Il giorno dopo il nuovo leader degli industriali (successore di Vincenzo Boccia, alla fine dei quattro anni di un mandato che per statuto non è rinnovabile) farà il suo debutto pubblico all'assemblea annuale. 

Gli stessi cinque candidati potrebbero coalizzarsi in alleanze puntando a ticket presidente-vicepresidenti per la prossima squadra di vertice. La candidatura del leader di Assolombarda, Carlo Bonomi, era stata la prima ad essere accreditata dai rumors, e con larghissimo anticipo, quando tra le indiscrezioni in via dell'Astronomia non si escludeva che dopo due sfide all'ultimo voto (prima tra Alberto Bombassei e Giorgio Squinzi, poi tra Alberto Vacchi e Vincenzo Boccia) fosse oggi possibile puntare su un candidato unico. L'ipotesi è naufragata dopo la sfida arrivata da Brescia, dall'industriale dell'acciaio Giuseppe Pasini: la sua mossa ha spinto al lavoro tutte le diplomazie sul territorio per evitare una spaccatura tra industriali lombardi ma, ad oggi, senza risultati. Ora c'è attenzione sulle mosse dell'attuale vicepresidente di Confindustria per l'internazionalizzazione, Licia Mattioli, azienda orafa torinese, che molti vedono in pole per una possibile sfida finale con Bonomi. Ci sarà poi da fare i conti con due possibili outsider, il presidente di FederLegnoArredo Emanuele Orsini e l'industriale triestino del caffè Andrea Illy.

 

 

Articoli in Economia

Lista articoli