Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

LA SCOMPARSA

Addio ad Aldo Giacomini: recuperò luoghi e sentieri partigiani


Valsabbia
1 gen 2018, 18:58

Il 2017  lascia la Valsabbia orfana di Aldo Giacomini, Rebélo, come era affettuosamente chiamato da tutti, per la sua militanza nelle fila partigiane delle Fiamme Verdi e per l'opera di recupero dei sentieri della Resistenza Bresciana cui diede impulso, è scomparso all’età di 92 anni nel giorno di San Silvestro.

Se ne è andato nella casa di riposo di Bedizzole di cui era ospite. Era nato il 29 novembre 1925 a Campione del Garda da padre valsabbino socialista, riparato in terra gardesana per sfuggire alle rappresaglie dei valsabbini locali. A 18 anni disertando intraprese la lotta al nazifascismo nelle fila partigiane, prima a Provaglio Valsabbia e quindi in città, aderendo al Gruppo mobile della Brigata Fiamme Verdi “X Giornate”. Una lotta che condivise, al pari della passione per la montagna con il padre che divenne comandante partigiano.

Dagli Anni ‘70, diede impulso all’idea di creare itinerari tra monti, cippi, luoghi teatro di scontri dei partigiani, nell’intento di trasmettere i valori della Resistenza.

Diede quindi vita con il Cai e altri gruppi escursionistici al Gruppo operativo volontario dei sentieri della Resistenza bresciana, contribuendo a tracciare 500 km di percorsi.

L’addio a Giacomini si terrà mercoledì, 3 gennaio, a Brescia nella Chiesa Parrocchiale di S. Barnaba (via della Valle 37) alle ore 13.45 con partenza dall’Obitorio del Civile alle 13.30.  

Articoli in Valsabbia

Lista articoli