Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

JAZZ

Il camuno Boris Savoldelli premiato a Mosca


Tempo Libero
12 ott 2015, 19:09
descrizione immagine

A Mosca, nella sede dell’Unione degli Scrittori della Federazione Russa, il jazz singer camuno Boris Savoldelli ha ricevuto il Premio Letterario Internazionale Sergej Esenin per la sezione “La Parola Cantata”.

L'importante premio è stato consegnato a Boris Savoldelli, nel corso della cerimonia moscovita lo scorso 2 ottobre, da Valery Ganicev, Presidente dell'Unione degli Scrittori della Federazione Russa, per il lavoro di ricerca che ha portato il cantante italiano alla realizzazione di un progetto intitolato Esenin in Jazz e dedicato proprio alle poesie di Sergej Esenin cantate in arrangiamenti jazz con il Quartetto Jazz Feelin's, guidato dall’arrangiatore e pianista russo Gennady Feelin.

 

Il premio, spiega il Consiglio dell’Unione degli Scrittori della Federazione Russa nelle motivazioni della scelta “è stato conferito per la sensibilità con cui il progetto è stato sviluppato e per la straordinaria abilità con cui Savoldelli è stato in grado di dare voce, pur non essendo russo e utilizzando tre diverse lingue, alla profondità delle poesie di Esenin, eroe nazionale per il popolo russo e poeta di straordinaria forza evocativa nonché lirista di una realtà composta da grandi contrasti, come dimostrano il suo amore tanto decantato per la madre, ma anche la passione smodata per l'alcool e la vita avventurosa”.

 

“Il progetto - ricorda Savoldelli - è il risultato di un lunghissimo ed estenuante lavoro di ricerca sul poeta russo, ricerca che mi ha consentito di affrontare la sfida di cantare le poesie in ben tre lingue: italiano, inglese e russo, certamente la più complessa. Il testo di uno dei brani in italiano, forse il più bello, si intitola “Canto, rido e piango” ed è stato adattato nella nostra lingua dal cantautore camuno Alessandro Ducoli, da anni mio collaboratore”.

Articoli in Tempo Libero

Lista articoli