Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
In poche parole

Riflessioni in pillole per una lettura salutare

IN POCHE PAROLE

Social network in crisi, via dalla pazza folla


Storie
Brescia e Hinterland
10 giu 2019, 15:58
I social network sempre più in crisi

I social network sempre più in crisi

Il primo sintomo è l’ansia da spunte blu in WhatsApp. Passino il tempo reale e il «volemose bene» anche in digitale, ma l’orario dell’ultima connessione che innesca le manie di controllo «visualizzi e non rispondi», anche no.

Poi sale la nausea da bombardamento di idiozie in Facebook. A ogni scrollata c’è qualche meme demenziale, la zia che condivide i cagnolini per «una giornata ke sia magnifica per tt», le fake news sui migranti, lo sciorinio indecente di commenti ovunque, le foto di taglieri di salumi e cruscotti roventi

Poi ci si mette anche Instagram, traditore, che ci aveva illusi di essere un social diverso e invece già pullula di #adv, concorsi e stories dettagliate (e sempre uguali) di brindisi in piazzale Arnaldo. Per non parlare di tutti che diventano influencer: di fitness, di estetica, di come si inscena l’amore perfetto. Non viene anche a voi una gran voglia di scendere dalla giostra?

Di digital detox se ne parla sempre più spesso, non solo per i privati ma anche per le aziende. Ha fatto notizia l’abbandono di Unicredit dei suoi account social: preferiscono «valorizzare i canali digitali proprietari (sito web ndr) per garantire un dialogo riservato e di alta qualità». Insomma, dopo il boom della condivisione compulsiva, si torna a casa. Che bello essere ancora in tempo.

 

Articoli in In poche parole

Lista articoli