Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

Il caso Sana Cheema

La ragazza, 25 anni, abitava a Brescia ed è morta in Pakistan il 18 aprile

GLI SVILUPPI

Omicidio di Sana, arrestato il promesso sposo in fuga


Storie
Brescia e Hinterland
15 mag 2018, 06:30

Uccisa in casa dalla famiglia. Il sorriso di Sana Cheema, 25enne cresciuta a Brescia e cittadina italiana

Prima il padre, il fratello e lo zio. Ora due cugini. E uno è pure il promesso sposo che lei ha rifiutato. Indagati e arrestati, i due congiunti di Sana Cheema, la 25enne pakistana con cittadinanza italiana e di casa a Brescia uccisa lo scorso 18 aprile, stavano lasciando il Pakistan.

Le autorità di Islamabad li hanno bloccati all'aeroporto della capitale mentre stavano per imbarcarsi su di un volo diretto a Istanbul, in Turchia. 

 

Tutti i dettagli nel servizio sul Giornale di Brescia in edicola oggi o scaricabile qui nell'edizione digitale.

Articoli in Il caso Sana Cheema

Lista articoli