Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

Il rogo che ha distrutto due aziende

$content.lead.value

L'INTERVENTO

Come è stato domato l'incendio alla Saleri


Storie
Valtrompia e Lumezzane
12 gen 2018, 12:34

Raffreddare, soffocare e circoscrivere le fiamme. È stata condotta secondo queste direttive l’operazione di spegnimento del maxi incendio della Saleri di Lumezzane. Un indirizzo di intervento reso necessario per via del materiale che si è incendiato: alluminio, anzitutto e poi plastiche, polistirolo e cartone.

A riferirci le linee di intervento il comandante provinciale dei Vigili del fuoco, Agatino Carrolo: «L’alluminio allo stato finemente suddiviso è un materiale che durante la combustione libera grandi quantitativi di calore e di luce. Nella reazione chimica (tecnicamente si tratta di una reazione esoergonica) si sprigionano gas a loro volta infiammabili e capaci di rinvigorire la reazione chimica di combustione».

Proprio per queste caratteristiche l'incendio è stato particolarmente severo durante la fase di spegnimento. Le squadre impegnate hanno dovuto raffreddare le aree circostanti le fiamme con acqua e schiuma in modo da abbassare la temperatura. Contemporaneamente hanno attaccato l'incendio in modo diretto. Dopo 16 ore di lavoro l'incendio è stato domato, fatto salvo la presenza di qualche focolaio residuo, al momento in fase di spegnimento. 

Articoli in Il rogo che ha distrutto due aziende

Lista articoli