Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

Sebino e Franciacorta

PARATICO

Madona dei pom, l'antica tradizione che si fa festa


Sebino e Franciacorta
6 dic 2017, 06:30

A tutto ritmo. Balli e musica popolare, tra le attrazioni della festa in paese

Tra antichi saperi e tradizioni, Paratico torna a celebrare la «Madona dei pom» nelle giornate del 7 e 8 dicembre. Una ricorrenza che, fra le più sentite del basso Sebino, nasconde in realtà due anime ben distinte. In primis quella religiosa: ogni anno nel giorno dell’Immacolata la statua della Madonna custodita nel santuario di San Pietro diventa meta di un lungo e affollato pellegrinaggio, con migliaia di cittadini bresciani e bergamaschi intenti ad omaggiare la Vergine che, secondo l’iconografia tradizionale, ha ai suoi piedi un serpente con in bocca una mela.

La seconda, invece, è l’anima pagana della ricorrenza: due giorni di festeggiamenti per ricordare i mestieri del passato ma anche tradizioni e antiche leggende da tramandare alle nuove generazioni. Prime su tutte il rito dei pom: si narra infatti che, nei tempi che furono, i paraticesi portassero in dono alle future mogli proprio le mele. Dunque, ecco cosa prevede quest’anno l’iniziativa, messa a punto dal comitato organizzatore della Madonna dei pom.

Si parte giovedì 7: alle 19.30 apertura degli stand gastronomici nella zona antistante il santuario di San Pietro, con l’intramontabile binomio caldarroste e vin brulè. Venerdì 8, invece, l’intera via San Pietro sarà chiusa al traffico per fare posto alle classiche bancarelle ricolme di dolciumi e leccornie. Non solo. Lungo la stessa via si disporranno gli stand della fattoria di Pontoglio, i gruppi di forgiatura del ferro e degli antichi mestieri con i «picaprede» all’opera, oltre a intarsiatori, vasai e scultori intenti a rievocare le professioni di una volta.

Non mancheranno gli spettacoli di falconeria (alle 14.15 e alle 16) e l’accompagnamento musicale con cornamuse e organetti antichi. 

Articoli in Sebino e Franciacorta

Lista articoli