Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

A SALO'

Se lo stadio diventa una base di atterraggio


Garda
14 nov 2017, 06:15

© www.giornaledibrescia.it

Soccorsi dal cielo, anche di notte. È un accordo che implementa decisamente il grado di sicurezza dei cittadini salodiani quello sottoscritto dal sindaco Giampiero Cipani e dal direttore generale dell’Azienda regionale emergenza urgenza (Areu), Alberto Zoli.

Si tratta della convenzione che regola le attività di atterraggio, sia diurne sia notturne, degli elicotteri del soccorso sanitario nello stadio «Lino Turina».

Il documento ricorda che Areu gestisce, tramite le proprie sale operative regionali, cinque elibasi Hems (Helicopter emergency medical service), situate a Bergamo, Brescia, Como, Milano e Sondrio. Da due di queste, in particolare quelle di Como e Brescia, si effettua anche attività di volo notturno. Per la quale è necessario operare su elisuperfici idonee e autorizzate. E proprio una di queste aree è stata individuata nello stadio di Salò, considerato idoneo dopo i sopralluoghi effettuati congiuntamente dai tecnici del Comune, di Areu e dell’operatore aeronautico Babcock international group Mcs aviation Italia.

Per Salò si tratta di un'operazione che consente di incrementare in modo decisivo la sicurezza e il soccorso sanitario. Per garantire la costante operatività del campo sportivo a favore del servizio Hems - stabilisce la convenzione - il Comune si impegna a mantenere inalterato lo stato dei luoghi e ad individuare un proprio incaricato che controllerà che l’area non subisca «alterazioni».

Articoli in Garda

Lista articoli