Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Brescia e Hinterland

AL FEMMINILE

L'amore è come un peperone crusco


Brescia e Hinterland
11 apr 2019, 12:03
Il peperone, per diventare crusco, è sottoposto a uno shock termico: lo si fa friggere per pochi secondi e poi lo si mette in freezer -  Foto © www.giornaledibrescia.it

Il peperone, per diventare crusco, è sottoposto a uno shock termico: lo si fa friggere per pochi secondi e poi lo si mette in freezer - Foto © www.giornaledibrescia.it

C’è ancora spazio per l’amore, quello che si scrive con la a maiuscola che agita come il caffè e non fa dormire la notte. A molti piace parlarne, leggere storie romantiche che lo descrivono con dovizia di particolari, soprattutto nella fase iniziale del capitolo, quando nello stomaco volano migliaia di farfalle. Pur connaturato all’essenza umana si inserisce più profondamente nelle viscere femminili poiché le donne amano «di pancia», anteponendo i sentimenti alla ragione.

L’innamoramento è un distillato di bellezza allo stato liquido, il quale dovendo adattarsi ad un recipiente deformabile modifica di continuo la sua immagine. Anche in un addio si può cogliere l’amore. Lo hanno dimostrato gli artisti Marina Abramovic e Ulay, protagonisti dell’opera performativa «The Lovers» che ha definito i contorni della loro separazione.

Essi camminarono per 2.500 chilometri partendo dai lati opposti della muraglia cinese per misurare la reciproca assenza. Quando si incontrarono, si abbracciarono e si lasciarono per sempre. Si rividero dopo ventidue anni durante una performance di Marina. Le lacrime silenziose e i loro sguardi nostalgici dichiararono quanto il sentimento che li aveva uniti avesse lasciato segni incancellabili dal tempo. Altra faccia ha l’amore quando costruisce lucchetti di carne che hanno il viso dei figli e trasforma i ricordi familiari nel bene immateriale più prezioso che ogni persona può sperare di possedere. Spesso è fragile come la casa di vetro in cui vivono gli amanti di Pablo Neruda, non sempre si può temperare aumentandone il carico di rottura a trazione come per gli acciai speciali. Però ognuno può cercare di renderlo come lo descrive Jacques Prévert: «testardo come un asino e bello come il giorno».

L’amore rende uniche le persone nel compendio dei sensi, godendo della vista e del tatto, del profumo della pelle, nel piacere di ascoltare una voce e i pensieri che sembrano toccarsi. È una vicinanza fatta di piccole attenzioni come portare un bicchiere d’acqua non richiesto o «avere freddo la notte e alzarsi a metterle una seconda coperta».

È risaputo che si prende anche per la gola con sapori decisi o delicati ma la bravura nella scelta degli ingredienti è soggettiva. Non c’è una ricetta replicabile per rendere l’amore fragrante come il pane o croccante come il peperone crusco, la riuscita dell’impasto e della cottura dipende esclusivamente dalle abilità dei cuochi in cucina.

Articoli in Brescia e Hinterland

Lista articoli