Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Brescia e Hinterland

DIALÈKTIKA

L’ànema del dialetto e la pócia in piazza


Brescia e Hinterland
1 ago 2021, 06:00
Nonno e nipote - © www.giornaledibrescia.it

Nonno e nipote - © www.giornaledibrescia.it

«Dài, ànema, adès endóm a càsa da la tò màma». Chi parla è un nonno al parco pubblico - lo sento mentre seduto su una panchina leggo un giornale di carta, attività antica - che chiama il nipotino. Il dialetto bresciano è capace di delicatezze. Delicatezze affettive (come chiamare ànema un bambino) ma anche delicatezze vocali. Infatti in tutti e tre i sostantivi usati dal nonno (ànema, càsa, màma) il suono della «a» cambia - lievemente ma indiscutibilmente - a seconda della posizione occupata della vocale: dentro la parola si tratta di una «a» aperta, chiara, perfettamente sovrapponibile alla «a» della lingua italiana.

Articoli in Brescia e Hinterland

Lista articoli