Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

LA STORIA

Fuggite dalla Shoah, salvate a Brescia: tornano 80 anni dopo


Bassa
12 gen 2019, 06:30
La casa dove erano confinate le quattro sorelle Silbermann - © www.giornaledibrescia.it

La casa dove erano confinate le quattro sorelle Silbermann - © www.giornaledibrescia.it

Quattro ombre piccole di bambine impaurite circolano ancora nella memoria di qualche anziano, molto anziano, di Borgo e di Acqualunga, delle cascine di Orzinuovi.

Le quattro sorelle, ebree, erano venute dalla Polonia, imprigionate a Milano con il padre Abram Silbermann e la madre Deborah in seguito alle leggi razziali del 1938; infine, dopo mille traversie, costrette al confino a Borgo San Giacomo, nella frazione di Acqualunga, nascoste in alcune cascine di Orzinuovi. E poi condotte per mano dalle Suore Orsoline a Brescia nella ragnatela protettiva dei resistenti bresciani, tra Brescia, Milano, tra conventi chiese ed ospedali. Fino alla salvezza.

Il 26 gennaio torneranno a Borgo San Giacomo e il 28 gennaio saranno a Brescia per un omaggio alla terra della loro salvezza.

 

Tutti i dettagli sull'edizione del Giornale di Brescia in edicola oggi, sabato 12 gennaio, scaricabile anche in formato digitale.

Articoli in Bassa

Lista articoli