Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

LECCE

Trovato il corpo di Noemi, il fidanzato confessa


Italia ed Estero
13 set 2017, 15:19

Ha confessato di avere ucciso Noemi Durini  e avrebbe indicato agli inquirenti il luogo in cui cercare il cadavere della sua fidanzatina, a Castignano del Capo, nel leccese. Il cadavere della sedicenne è stato trovato sotto dei massi, adagiato per terra, in una campagna, a Castrignano del Capo, a 30 chilometri da Specchia, il paese dove viveva la ragazza. A condurre gli investigatori sul posto è stato lo stesso ragazzo che è indagato per omicidio volontario assieme al papà 41enne.
I genitori della 16enne hanno appreso della confessione del 17enne mentre erano in prefettura a Lecce dove doveva cominciare una conferenza stampa alla quale dovevano partecipare. La mamma di Noemi è stata colta da malore ed è stato richiesto l'intervento di un'ambulanza.
Il ragazzo, più volte interrogato dopo la scomparsa della giovane, ha fornito dichiarazioni contraddittorie. Anche il padre del fidanzatino 17enne di Noemi Durini è indagato, in concorso con il figlio, per l'omicidio volontario della sedicenne.

La ragazza era scomparsa da casa il 3 settembre scorso: l'ultima sua immagine è stata catturata da una telecamera di sorveglianza e risale alle 5 del mattino di quel giorno. Si vede una Fiat 500 bianca sulla quale sale e alla cui guida si trova il fidanzato 17enne che oggi, a 11 giorni dalla scomparsa della ragazzina, ha confessato l'omicidio.
Nell'immagine si vede l'utilitaria arrivare e fermarsi in via San Nicola, a Specchia, a poche centinaia di metri da casa della giovane. A bordo ci sono i due fidanzati, con il 17enne al
volante della vettura intestata alla madre. Agli inquirenti, per giorni, il 17enne, di Alessano, ha raccontato di aver accompagnato la sedicenne nei pressi del campo sportivo di Alessano e di averla lasciata lì. Ma la versione del ragazzo, sin dal primo momento, non ha convinto gli investigatori che hanno concentrato l'attenzione sul 17enne, un ragazzo dalla personalità violenta. E c'è un breve filmato che descrive bene il suo carattere: il 17enne è stato ripreso mentre rompe a colpi di sedia i vetri di una vecchia Nissan Micra parcheggiata per strada ad Alessano. L'auto sarebbe di una persona con la quale il giovane avrebbe avuto un acceso litigio e risalirebbe alla
scorsa settimana, pochi giorni dopo la scomparsa di Noemi.

Articoli in Italia ed Estero

Lista articoli