Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

LA STORIA

Hope, il bambino «stregone» abbandonato ora sta bene


Italia ed Estero
4 feb 2017, 16:25

Hope con Anja Ringgren Loven

Un anno fa Hope, il bambino nigeriano di due anni emaciato, malato e disperatamente solo, abbandonato dalla sua famiglia e cacciato dalla sua comunità del sud della Nigeria perchè considerato uno «stregone», commosse il mondo grazie a una foto che fece il giuro globale dei media. Oggi Hope è un bambino in salute, dall'aria decisamente più felice.
Per sottolineare come in un solo anno il bambino abbia ritrovato una nuova vita, la volontaria danese che allora lo salvò e lo adottò, Anja Ringgren Loven, si è fatta fotografare nella stessa posa di quel gennaio 2016, mentre offre da bere da una bottiglia di plastica a Hope: scheletrito, nudo, sporco, pieno di parassiti allora; con le guanciotte piene, vestito con camicetta a quadretti, pantaloncini rossi, scarpe da ginnastica, zainetto in spalle e l'aria serena oggi.

«È da una settimana che ha iniziato ad andare a scuola», ha dichiarato la Loven, che insieme al marito, David Emmanuel Umem, gestisce un piccolo orfanotrofio nel sud-est della Nigeria, specializzato nell'accoglienza di bambini e ragazzi ostracizzati da villaggi e famiglie come conseguenza di superstizioni, chiamato African Children's Aid Education and Development Foundation (Acaedf). 

Hope («speranza» in inglese) - così è stato ribattezzato da Anja e David Emmanuel - era considerato un bimbo-stregone (Ndoki), forse perché soffre di ipospadia, una malformazione congenita dell'uretra e del pene. Aveva girovagato da solo, disperato, per almeno otto mesi nutrendosi di quello che trovava per strada. E grazie a quella esemplare foto - seguita da altre in cui il bimbo era avvolto in una coperta e veniva lavato con un bagnetto -, Loven è stata scelta dalla rivista tedesca Oooom nel numero del dicembre scorso come la persona che più «motivante» del 2016.

 

Articoli in Italia ed Estero

Lista articoli